Archivi autore: RSU

TRASFERIMENTO A RHO-EXPO: SPENDERE TANTO, RISPARMIARE POCO, STARE PIÙ STRETTI E FUORI MILANO.

Se chiedete a Rettore e Direttore Generale perché dovremmo trasferirci da Città Studi a Rho-EXPO vi risponderanno: perché è tutto nuovo e perché risparmieremo 6 milioni l’anno in costi di gestione.

Sarà pure tutto nuovo, ma si dimenticano che gli spazi verranno ridotti del 40% (dai 250.000 mq di Città Studi ai 150.000 di Rho): importante razionalizzare, ma far stare 20.000 persone, in poco più della metà dello spazio attuale ci sembra eccessivo (8 mq a persona). Inoltre, particolare di non poco conto, Città Studi è di nostra proprietà e in parte in comodato d’uso gratuito dal Demanio mentre a Rho non saremmo proprietari degli edifici per 30 anni e del terreno per 99.

Dicono poi che risparmieremmo 6 milioni l’anno in costi di gestione in quanto Città Studi è dispersiva e costosa. È vero che hanno cambiato così tanto le versioni che è difficile tenere il punto, ma l’ultima “narrazione” sostiene che non sia più necessario monetizzare e vendere gli immobili di Città Studi per edificare a Rho: questo però non vuol dire che non si venderà. Lo si dovrà fare per forza, perlomeno per ridurre i costi di gestione (cosa peraltro confermata dai documenti che circolano in queste ore). Pertanto, per sgomberare il campo da ogni ambiguità, nei programmi degli amministratori dell’Ateneo Città Studi verrà venduta: i lavori per Rho potranno iniziare prima della vendita, ma prima o poi verrà venduta.

Permetteteci un inciso (che poi è una richiesta storica dalla RSU). Solo con la dismissione degli affitti di via Sant’Antonio (uffici amministrativi) e via Comelico (informatica) e il trasferimento dei relativi uffici nei palazzi di nostra proprietà di via Mercalli (abbandonato) e via Celoria (nuovo), con un decimo della spesa si produrrebbe più della metà di quel risparmio di gestione previsto su Rho-EXPO: vedasi la tabella allegata. A dimostrazione di quanto poco economicamente vantaggioso sia il nostro trasferimento a Rho-EXPO e di come l’unica beneficiaria dello stesso sia quella politica che ha creato il buco di bilancio di EXPO 2015.

Concludiamo dicendo che l’Ateneo ha incaricato un advisor per individuare il miglior piano economico finanziario: scommettiamo che si opterà sulla finanza di progetto proposta da Lendlease?

Quel che grida vendetta è che la stessa cosa non venga fatta per il rilancio di Città Studi con uno studio di fattibilità per la ristrutturazione dei nostri immobili, studio che come RSU chiediamo nuovamente con forza. Non è stato infatti avviato il percorso previsto dal D.lgs. 50/2016, art.23, c.5 (modificato dal D.lgs. 56/17, art.13) che prevede: “Il progetto di fattibilità tecnica ed economica individua, tra più soluzioni, quella che presenta il miglior rapporto tra costi e benefici per la collettività, in relazione alle specifiche esigenze da soddisfare e prestazioni da fornire.”

Lo ripetiamo: lo spazio per il grande campus scientifico di Milano esiste già, il suo nome è Città Studi!

 

Comunicato nr. 01n/2018 – maggio 2018

comunicato_01n_2018+tabella

Giovedi 19 aprile, ore 18.30: CORTEO SONORO PER CITTA´ STUDI

COMUNICATO STAMPA

“Lo spazio per il grande campus scientifico milanese esiste già e si chiama Città Studi”.

Con questo slogan tornano a mobilitarsi – dopo la fiaccolata ed il presidio
sotto Palazzo Marino dello scorso mese di novembre – i comitati di cittadini, collettivi studenteschi, operatori economici, docenti e rappresentanze sindacali universitarie riunitisi sotto il vessillo dell’ “Assemblea di Città Studi” per sollecitare il rilancio del polo scientifico milanese dell´Università Statale di Milano, attualmente ubicato nell’omonimo quartiere semi-centrale.

Per farlo, hanno organizzato, per le ore 18,30 del prossimo giovedì 19 aprile, un “corteo sonoro” che attraverserà le principali vie del quartiere di Città Studi. Ogni strumento ed oggetto che possa servire a produrre suoni é ben accetto, secondo gli organizzatori.

Sul futuro del quartiere – secondo i promotori dell´iniziativa – incombono il trasferimento delle Facoltà Scientifiche dell´Università Statale di Milano nell´ex-area Expo, nonché dell´Istituto Nazionale dei Tumori e del Neurologico Besta nella “Città della Salute” di Sesto San Giovanni. Una perdita di funzioni e servizi ritenuta inaccettabile.

Gli attivisti dell´Assemblea di Città Studi, così, intendono anche dare una risposta alle cariche di polizia con le quali – il 6 marzo scorso – era stata accolta una manifestazione organizzata dall’Assemblea di Città Studi per farsi ascoltare dal Senato Accademico della Statale convocato per discutere, in via preliminare, la proposta di realizzazione del campus     nell´ex-area Expo con il sistema del Partenariato Pubblico-Privato ex-art. 180 D.lgs.50/2016 avanzata – il 23 febbraio precedente – dalla società aggiudicataria della concessione per la gestione dei terreni ex-Expo, la multinazionale australiana Lend Lease.

In quell´occasione alcuni studenti avevano riportato delle contusioni.

Tuttavia, queste circostanze non scoraggiano affatto i fautori del rilancio del rinomato polo scientifico cittadino in alternativa al suo trasferimento nell´ex-area Expo, soluzione, quest´ultima, considerata alla stregua di un sistema di finanziamento surrettizio dell´esposizione debitoria aperta per acquistare i terreni sui quali, nel 2015, si era svolta l´esposizione universale.

Assemblea di Città Studi osserva, infatti, che il nuovo governo potrebbe ridefinire in funzione dell´implementazione in loco del campus cittadino la destinazione dei circa 130 milioni di euro con i quali, attraverso il Patto per la Lombardia, il Governo dell´ex-premier Renzi e l´ex-governatore regionale Maroni avevano deciso di finanziarne il trasferimento nell´ex-area Expo.

MILANO 17-4-2018

——————————————
Rappresentanze Sindacali Unitarie
Universita’ degli Studi di Milano
Via Festa del Perdono, 7
Tel. 02 50312982
http://www.rsu.unimi.it

Elezioni RSU 2018: dove e quando si vota.

Le votazioni per il rinnovo della RSU si terranno nelle giornate di martedì 17 aprile, mercoledì 18 aprile e giovedì 19 aprile nelle seguenti sedi, date e orari:

  • Seggio Sede Centrale

-Archivio della Divisione del Personale, Via S. Antonio 12 – Sede elettorale – piano terra – 17 aprile dalle ore 9.00 alle 17.00;

-Sala lauree Studi Umanistici (piano terra), Via Festa del Perdono, 7- 18 e 19 aprile dalle ore 9.00 alle 17.00;

  • Seggio Città Studi

-Divisione Sistemi Informativi, Via Colombo 46 – Sede elettorale – Piano rialzato – 17 aprile dalle ore 9.00 alle ore 17.00;

-Aula 404 – Via Celoria 26 – 18 e 19 aprile dalle ore 9.00 alle 17.00;

  • Seggio di via Mercalli

Sala riunioni, 5° piano (la sala è facilmente raggiungibile con gli ascensori) – 17 aprile dalle ore 10.00 alle ore 14.00 ;

  • Seggio di via Balzaretti

Sala Consiglio, 4° piano – 17 aprile dalle ore 9.30 alle ore 14.00;

  • Seggio di via Comelico

Auletta 4 – Via Comelico, 39 – 17 aprile dalle ore 10.30 alle ore 14.30;

  • Seggio di via Conservatorio

Salone di rappresentanza – Via Conservatorio, 7 – 17 aprile dalle ore 9.30 alle ore 17.00;

  • Seggio Polo di Crema

Segreteria Didattica – 17 aprile dalle ore 9.00 alle ore 12.30;

  • Seggio Polo di Sesto S. Giovanni

Aula T009 – 17 aprile dalle 10.00 alle 14.00;

  • Seggio Polo di Segrate

Biblioteca del Polo LITA – 17 aprile dalle 10.00 alle 14.00;

  • Seggio Polo di Lodi

Aula C -Azienda “Polo veterinario di Lodi” – Via dell’Università 6 – 18 aprile dalle ore 9.00 alle ore 11.00;

  • Seggio Polo Policlinico

Auletta del Padiglione Granelli – 18 aprile dalle ore 9.00 alle ore 15.30;

  • Seggio Polo S. Paolo

Aula Koch (8° piano blocco C) – 17 aprile dalle ore 10.00 alle ore 14.00;

  • Seggio Polo Sacco

Aula B – Settore didattico 2 – piano terra – 17 aprile dalle ore 10.00 alle ore 15.00;

 

Per conoscere presso quale di tali seggi ciascun elettore potrà recarsi a votare, è possibile consultare gli appositi elenchi pubblicati sulla pagina web del sito d’Ateneo dedicata alle votazioni in parola (http://www.unimi.it/ateneo/elezioni/117650.htm).  IMPORTANTENon sarà possibile esercitare il proprio diritto di voto in un seggio diverso rispetto a quello assegnato.

Tuttavia, i colleghi che eventualmente desiderino votare presso un seggio diverso da quello loro attribuito possono inviare un’apposita richiesta all’indirizzo votazioni@unimi.it entro e non oltre mercoledì 11 aprile 2018.