Archivi categoria: Comunicati

Comunicati unitari RSU

TRASFERIMENTO A RHO-EXPO: SPENDERE TANTO, RISPARMIARE POCO, STARE PIÙ STRETTI E FUORI MILANO.

Se chiedete a Rettore e Direttore Generale perché dovremmo trasferirci da Città Studi a Rho-EXPO vi risponderanno: perché è tutto nuovo e perché risparmieremo 6 milioni l’anno in costi di gestione.

Sarà pure tutto nuovo, ma si dimenticano che gli spazi verranno ridotti del 40% (dai 250.000 mq di Città Studi ai 150.000 di Rho): importante razionalizzare, ma far stare 20.000 persone, in poco più della metà dello spazio attuale ci sembra eccessivo (8 mq a persona). Inoltre, particolare di non poco conto, Città Studi è di nostra proprietà e in parte in comodato d’uso gratuito dal Demanio mentre a Rho non saremmo proprietari degli edifici per 30 anni e del terreno per 99.

Dicono poi che risparmieremmo 6 milioni l’anno in costi di gestione in quanto Città Studi è dispersiva e costosa. È vero che hanno cambiato così tanto le versioni che è difficile tenere il punto, ma l’ultima “narrazione” sostiene che non sia più necessario monetizzare e vendere gli immobili di Città Studi per edificare a Rho: questo però non vuol dire che non si venderà. Lo si dovrà fare per forza, perlomeno per ridurre i costi di gestione (cosa peraltro confermata dai documenti che circolano in queste ore). Pertanto, per sgomberare il campo da ogni ambiguità, nei programmi degli amministratori dell’Ateneo Città Studi verrà venduta: i lavori per Rho potranno iniziare prima della vendita, ma prima o poi verrà venduta.

Permetteteci un inciso (che poi è una richiesta storica dalla RSU). Solo con la dismissione degli affitti di via Sant’Antonio (uffici amministrativi) e via Comelico (informatica) e il trasferimento dei relativi uffici nei palazzi di nostra proprietà di via Mercalli (abbandonato) e via Celoria (nuovo), con un decimo della spesa si produrrebbe più della metà di quel risparmio di gestione previsto su Rho-EXPO: vedasi la tabella allegata. A dimostrazione di quanto poco economicamente vantaggioso sia il nostro trasferimento a Rho-EXPO e di come l’unica beneficiaria dello stesso sia quella politica che ha creato il buco di bilancio di EXPO 2015.

Concludiamo dicendo che l’Ateneo ha incaricato un advisor per individuare il miglior piano economico finanziario: scommettiamo che si opterà sulla finanza di progetto proposta da Lendlease?

Quel che grida vendetta è che la stessa cosa non venga fatta per il rilancio di Città Studi con uno studio di fattibilità per la ristrutturazione dei nostri immobili, studio che come RSU chiediamo nuovamente con forza. Non è stato infatti avviato il percorso previsto dal D.lgs. 50/2016, art.23, c.5 (modificato dal D.lgs. 56/17, art.13) che prevede: “Il progetto di fattibilità tecnica ed economica individua, tra più soluzioni, quella che presenta il miglior rapporto tra costi e benefici per la collettività, in relazione alle specifiche esigenze da soddisfare e prestazioni da fornire.”

Lo ripetiamo: lo spazio per il grande campus scientifico di Milano esiste già, il suo nome è Città Studi!

 

Comunicato nr. 01n/2018 – maggio 2018

comunicato_01n_2018+tabella

Giovedi 19 aprile, ore 18.30: CORTEO SONORO PER CITTA´ STUDI

COMUNICATO STAMPA

“Lo spazio per il grande campus scientifico milanese esiste già e si chiama Città Studi”.

Con questo slogan tornano a mobilitarsi – dopo la fiaccolata ed il presidio
sotto Palazzo Marino dello scorso mese di novembre – i comitati di cittadini, collettivi studenteschi, operatori economici, docenti e rappresentanze sindacali universitarie riunitisi sotto il vessillo dell’ “Assemblea di Città Studi” per sollecitare il rilancio del polo scientifico milanese dell´Università Statale di Milano, attualmente ubicato nell’omonimo quartiere semi-centrale.

Per farlo, hanno organizzato, per le ore 18,30 del prossimo giovedì 19 aprile, un “corteo sonoro” che attraverserà le principali vie del quartiere di Città Studi. Ogni strumento ed oggetto che possa servire a produrre suoni é ben accetto, secondo gli organizzatori.

Sul futuro del quartiere – secondo i promotori dell´iniziativa – incombono il trasferimento delle Facoltà Scientifiche dell´Università Statale di Milano nell´ex-area Expo, nonché dell´Istituto Nazionale dei Tumori e del Neurologico Besta nella “Città della Salute” di Sesto San Giovanni. Una perdita di funzioni e servizi ritenuta inaccettabile.

Gli attivisti dell´Assemblea di Città Studi, così, intendono anche dare una risposta alle cariche di polizia con le quali – il 6 marzo scorso – era stata accolta una manifestazione organizzata dall’Assemblea di Città Studi per farsi ascoltare dal Senato Accademico della Statale convocato per discutere, in via preliminare, la proposta di realizzazione del campus     nell´ex-area Expo con il sistema del Partenariato Pubblico-Privato ex-art. 180 D.lgs.50/2016 avanzata – il 23 febbraio precedente – dalla società aggiudicataria della concessione per la gestione dei terreni ex-Expo, la multinazionale australiana Lend Lease.

In quell´occasione alcuni studenti avevano riportato delle contusioni.

Tuttavia, queste circostanze non scoraggiano affatto i fautori del rilancio del rinomato polo scientifico cittadino in alternativa al suo trasferimento nell´ex-area Expo, soluzione, quest´ultima, considerata alla stregua di un sistema di finanziamento surrettizio dell´esposizione debitoria aperta per acquistare i terreni sui quali, nel 2015, si era svolta l´esposizione universale.

Assemblea di Città Studi osserva, infatti, che il nuovo governo potrebbe ridefinire in funzione dell´implementazione in loco del campus cittadino la destinazione dei circa 130 milioni di euro con i quali, attraverso il Patto per la Lombardia, il Governo dell´ex-premier Renzi e l´ex-governatore regionale Maroni avevano deciso di finanziarne il trasferimento nell´ex-area Expo.

MILANO 17-4-2018

——————————————
Rappresentanze Sindacali Unitarie
Universita’ degli Studi di Milano
Via Festa del Perdono, 7
Tel. 02 50312982
http://www.rsu.unimi.it

Ultimi incontri di trattativa: esito dell’ incontro del 19 marzo

RIPOSO ORARIO

Il Contratto Nazionale prevede che il lavoratore faccia richiesta di utilizzo delle ore di riposo maturate nel 2017 entro il 31 marzo 2018: è stata concessa una proroga tecnica per farne richiesta fino al 30 aprile per poter permettere all’ufficio preposto la corretta contabilizzazione. La RSU ha ribadito quanto detto nell’incontro del 21/2 (vedasi nostro precedente comunicato http://www.rsu.unimi.it/): l’anno di sperimentazione con il “tetto delle 85 ore” è concluso come previsto nell’accordo sulle Progressioni Economiche. Pertanto, oltre al mantenimento del tetto massimo delle 50 ore di riposo orario “cumulabili”, ci si limiti all’applicazione di quanto già previsto dal Contratto Nazionale ovvero:

  1. A) scadenza delle ore maturate nel 2017 al 31/3/2018 (con proroga tecnica fino al 30 aprile);
  2. B) possibilità dell’utilizzo del riposo orario solo in presenza di ore già maturate ma con la possibilità di utilizzo dei crediti orari anche del mese precedente con il puntuale aggiornamento di Start Web (in quanto i debiti orari del mese precedente, al contrario, vengono scalati subito);
  3. C) per l’orario di lavoro, limite massimo orario giornaliero di 9 ore.

VALUTAZIONE DEI CARICHI DI LAVORO

Il Direttore Generale ha comunicato che è stata aggiudicata la gara per la valutazione dei carichi di lavoro che nei prossimi tre mesi coinvolgerà tutti gli uffici dell’amministrazione centrale e i dipartimenti (con l’esclusione del personale tecnico).

TICKET QUI GROUP

In data 15 marzo l’Amm.ne ha inviato una lettera a Consip (l’ente pubblico che ha gestito l’appalto dei ticket mensa – ricordiamo che QUIticket è risultata vincitrice per tutte le amministrazioni pubbliche del lotto nord/ovest-) in cui ha chiesto di fornire una soluzione prima di procedere ad una disdetta del contratto. La RSU ha ribadito l’opportunità di cambiare gestore di ticket mantenendo la modalità cartacea, anche eventualmente uscendo dall’alveo Consip. Pertanto è stato richiesto un incontro con il Dirigente degli affari legali per poter discutere dei prossimi passi.

UNA TANTUM FONDO COMUNE D’ATENEO

Diversamente a come era stato detto dall’Amm.ne, l’anticipo previsto per febbraio non c’è stato e pertanto la una tantum verrà saldata dopo il bilancio consuntivo che verrà redatto entro fine maggio.

PROGRESSIONI ECONOMICHE: ULTIMO BANDO 2018

Come è noto quest’anno ci sarà la terza e ultima tornata delle progressioni orizzontali. La RSU nel precedente incontro aveva chiesto che il bando fosse pubblicato prima della fine di marzo. L’Amm.ne pubblicherà il bando solo dopo la certificazione del fondo da parte della Revisori dei Conti che avverrà dopo il consuntivo di maggio. Abbiamo verificato al tavolo di confronto che gli apicali, in base a quanto previsto dal nuovo Contratto Nazionale (in fase di approvazione), saranno aventi diritto solo dal 2019.

                                                                                          Comunicato nr. 07/2018 – 21 marzo 2018