Archivi categoria: Comunicati

Comunicati unitari RSU

Esito dell’incontro di trattativa del 24 gennaio

L ’ incontro del 24 gennaio è stato in gran parte dedicato a trovare una soluzione al grande pasticcio dei conguagli dei ticket. Dopo due ore di discussioni l ’ amministrazione si è impegnata a studiare una soluzione tecnica che faccia sì che nessun lavoratore ci rimetta dei ticket, sia per quanto riguarda il conguaglio di tutto il 2016, che per i primi quattro mesi del 2017.

A partire dal mese di maggio 2017 i ticket saranno erogati sulla base delle presenze/assenze del mese di gennaio 2017, entrando così a regime la norma delle sei ore ordinarie di lavoro + pausa (come confermato anche dall ’ ARAN, con chiarimento ricevuto a gennaio 2017).

Le nostre richieste:
a) che venga ristabilita la possibilita ’ di scelta da parte del dipendente (anche ospedaliero) tra l’utilizzo delle mense oppure dell ’ utilizzo del buono pasto sostitutivo (ticket);
b) di calcolare solo ai fini dell ’ attribuzione del buono pasto sostitutivo (ticket), comma 2  dell’art.60 del CCNL, una pausa minima di 10 minuti dopo le 6 ore ordinarie di lavoro.

hanno ricevuto risposta negativa.

Sulle chiusure del 2017 l ’ amministrazione ha sostenuto di avere mantenuto lo stesso numero di giorni dell ’ anno precedente. Registriamo quindi anche su questo punto la politica della porta sbattuta in faccia e passiamo la parola all ’ assemblea dei lavoratori.

Abbiamo poi chiesto di parlare di punti organico e dei criteri per le nuove assunzioni, stabilizzazioni e valorizzazioni dicarriera. L ’ amministrazione,dopo avere provato a sostenere che l ’ argomento non deve essere più affrontato al tavolo sindacale, ha dovuto convenire sul fatto che, contrattualmente, è materia di consultazione. In un prossimo incontro ci verranno illustrati i criteri coi quali vengono stabilite le dotazioni organi che e che cosa è stato fatto nell’ultimo anno. Visto che il numero di punti organico da destinare al PTAB sarebbe stato discusso nella seduta pomeridiana del senato, abbiamo formulato la richiesta dimantenere la stessa percentuale dell ’ ultimo anno, cio è del 23% circa. La proposta è stata approvata dalsenato accademico.

Ci è stato comunicato che è stato avviato un processo di valutazionedei carichi di lavoro nelle strutture: un ’ altra iniziativa sulla quale, al momento attuale, non siamo stati informati sui criteri, le modalità e i tempi.

La richiesta che avanziamo da anni di un piano per il risparmio energetico, come previsto dalla legge, che possa anche determinare dei risparmi utili per finanziare un ’ ulteriore quota di progressioni orizzontali, è stata finalmente presa in considerazione. C ’è stata a gennaio una prima riunione dell ’ Amministrazionecon il capo settore competente e con l ’ energymanager.

Il punto previsto sul welfare d ’ ateneo per il 2016 è stato spostato auna prossima riunione.

Il 1 ° febbraio si riunirà l ’ Osservatorio sul riposo compensativo e straordinario.

L ’ esito degli ultimi incontri ci impone una valutazione insieme a tutti i lavoratori, nel corso di una assemblea che si terrà

Venerd ì 3 febbraio 2017 – dalle ore 9.30 alle11.30

AULA 211 – Via F. del Perdono7

——————————————
Rappresentanze Sindacali Unitarie
Universita’ degli Studi di Milano
Via Festa del Perdono, 7
Tel. 02 50312982
http://www.rsu.unimi.it

QUESTIONARIO SULLO STRESS DA LAVORO-CORRELATO

Venerdì 13/1/2017 l’amministrazione ha mandato, all’interno di una mail dell’Ufficio Prevenzione e Sicurezza sul lavoro, il link per compilare il questionario per l’indagine sulla valutazione dello stress-lavoro correlato: http://www.questionari.unimi.it/ValutazioneStressLavoro

Invitiamo tutti i lavoratori a dedicare il tempo necessario alla compilazione. L’amministrazione
avrebbe dovuto ormai, per legge, da diversi anni provvedere a fare periodicamente questa
rilevazione.

Come RSU e Organizzazioni Sindacali, mai come in questi ultimi anni riceviamo lamentele da parte dei lavoratori che rappresentiamo relativamente a sotto inquadramento, mancato coinvolgimento negli obiettivi e nelle decisioni, costanti problemi organizzativi, insoddisfazione lavorativa, fino ad arrivare a episodi vissuti come vero e proprio mobbing.

Lo strumento del questionario, pur nella sua lunghezza e nella sua formulazione – in alcuni quesiti – non sufficientemente analitica, rappresenta un momento per fare emergere tutto quanto resta abitualmente sotto traccia.

Milano, 18 gennaio 2017

Comunicato nr. 02/2017 – 18 gennaio 2017

Sul trasferimento a Rho di Citta’ Studi

La RSU d’Ateneo si esprime NEGATIVAMENTE sull’ipotesi di trasferimento delle strutture di CittàStudi a Rho all’interno del progetto Human Technopole. Non entriamo volutamente nel dettaglio ma in quanto rappresentanti del personale tecnico, amministrativo e bibliotecario dobbiamo evidenziare che:

1) l’azzardo economico dell’operazione in quanto le coperture future sono tutte da verificare con introiti e finanziamenti non certi;

2) il disagio di gran parte del personale dell’Ateneo di trasferirsi dalla parte opposta di Milano dopo aver pianificato la propria vita personale anche in base alla sede del luogo di lavoro;

3) il rischio che, con il trasferimento dei corsi di laurea scientifici in una locazione fuori Milano, si verifichi una sostanziale diminuzione delle/degli iscritte/i;

sono alcune delle ragioni che riteniamo sufficienti per dire NO al trasferimento.

Considerato che il mandato del Rettore scadrà al termine del 2018 (e non sarà rinnovabilein base alle nuove norme della legge Gelmini), riteniamo che una scelta di tale portata per il futuro dell’Ateneo non possa essere presa solo da lui e da organismi poco democratici come il Consiglio d’Amministrazione e il Senato Accademico.

Chiediamo quindi al Rettore un atto di responsabilità verso tutta la comunità accademica, tale da permettere l’espressione a tutte le componenti della stessa che resteranno in Ateneo ben oltre il suo mandato: sottoporre la questione trasferimento di Città Studi a Rho a REFERENDUM con votazione democratica (1 testa 1 voto) tratutto il personale strutturato d’Ateneo.
Approvato a maggioranza con 3 astenuti

Milano, 17 gennaio 2017

Comunicato nr. 01/2017 – 17 gennaio 2017