Archivi categoria: Verbali riunioni RSU

Verbali delle riunioni RSU

VERBALE DELLA RIUNIONE STRAORDINARIA RSU DEL 12 GIUGNO 2013

In data 12 giugno  2013, presso la saletta sindacale di via festa del Perdono, si è riunita la RSU d’Ateneo. Presenti alla riunione: Marcello Assolari, Gianni Carzaniga, Andrea Cerini, Cassandra De Marco, Anna Ettore, Daniela Ghezzi, Katiuscia Gimelli, Nadia Liistro, Davide Lo Prinzi, Morgana Marchesoni, Umberto Varischio. Presiede la riunione Umberto Varischio, svolge funzioni di segretario Daniela Ghezzi.
OdG previsto:
1. situazione discussioni aperte con l’amministrazione:
a. FCA; b. welfare integrativo; c. punti organico; d. organizzazione servizi di supporto alla didattica; e. politiche conciliazione casa-lavoro.
2. situazione convenzioni asili nido;
3. situazione mensa di via Clericetti;
4. proposta modifica art. 5 regolamento RSU (validita’ votazioni in caso di sopraggiunta mancanza, durante lo svolgimento della riunione, del numero legale);
5. varie ed eventuali.
La Rsu approva a maggioranza, con tre astensioni (per assenza alla seduta) il verbale della riunione del 2.5.2013.
Punto 1), lett. a). Si decide di riprendere a settembre la discussione con l’Amministrazione sulla distribuzione del Fondo Comune d’Ateneo e sul suo incremento e di chiedere l’erogazione di una tranche del fondo entro fine anno 2013.

Lett. b) La RSu decide di inviare alla Amministrazione una lettera per precisare che le osservazioni e le difformità riscontrate rispetto a quanto concordato su asili nido/voucher sono riportati nel verbale degli incontri svoltisi tra RSu e Amministrazione nei mesi di aprile e di maggio. In ordine alla proposta di polizza di assicurazione inviata per e-mail a tutto il personale, si osserva che negli incontri con Rsu e OO.SS, l’Amministrazione non ha mai presentato una bozza di proposta, limitandosi a informare che era allo studio una ipotesi di polizza.
Nel primo incontro utile, inoltre, verranno chiesti chiarimenti relativamente ai capitoli del bilancio che  l’Amministrazione intende utilizzare per coprire la spesa dei voucher per asii nido destinati a personale non contrattualizzato.
In ordine alla lettera c) la RSU valuta positivamente l’assegnazione dei punti organici effettuata dal CdA nella seduta del 28 maggio 2013. Si decide di richiede un incontro per discutere i criteri che hanno portato all’assegnazione di 1,43 p.o. previsti per il 2011 e di 0,95 p.o. previsti per il 2012  e per delineare i criteri di assegnazione dei restanti 5,62 p.o. previsti per il pta per il 2012. Si chiederanno informazioni circa le graduatorie dei concorsi da cui l’amministrazione intende attingere per la copertura dei posti organico e circa le motivazioni che hanno portato l’Amministrazione, per alcuni di questi posti, a ricorrere anche alla mobilità interna.

Lett. d)In merito all’organizzazione dei servizi di supporto alla didattica, preso atto che il quadro generale di riferimento è stato approvato dagli Organi di governo dell’Ateneo, la Rsu si farà carico di monitorare lo stato di avanzamento della costituzione delle Segreterie didattiche interdipartimentali (SeDi) e del Centro servizi per la didattica e di chiedere regolarmente informazioni al riguardo.

Lett.e)In merito alle politiche di conciliazione casa lavoro, la Rrsu conferma l’intenzione di proporre all’amministrazione ulteriori misure conciliative relativamente a situazioni familiari finora non ancora prese in considerazioni (es. familiari anziani…). Le colleghe Papagna e Zarantonello esprimono la disponibilità a costituire un gruppo di lavoro interno.
2) La Rsu chiederà all’Amministrazione di comunicare l’esito delle trattative dirette a stipulare una convenzione con un asilo nido sito in zona Milano centro per garantire un posto nel prossimo anno 2013-2014 ai bambini del nido aziendale di via S. Sofia, la cui attività viene a cessare a fine giugno 2013.

Punto 4) La Rsu prende atto della segnalazione relativa alla chiusura della sala mensa dedicata al personale in via Clericetti per il periodo estivo e si impegna a monitorare eventuali disagi per il pta qualora il servizio garantito dalla adiacente sala mensa per studenti non risulti soddisfacente.
Viene rinviata ad altra riunione la discussione del punto  5.
Varie ed eventuali: Al fine di garantire una maggiore trasparenza all’attività amministrativa dell’Ateneo, la RSU chiederà all’Amministrazione di rendere disponibili on line a tutto il personale i verbali delle sedute del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione.
Non essendovi null’altro all’odg, la seduta viene tolta alle ore 16.30.

VERBALE DELLA RIUNIONE STRAORDINARIA RSU DEL 2 MAGGIO 2013

In data 02 maggio 2013, presso la saletta sindacale di via festa del Perdono, si è riunita la RSU d’Ateneo.
Presenti alla riunione: Claudio Canevari, Gianni Carzaniga, Andrea Cerini, Gianluigi Croci, Cassandra De Marco, Daniela Ghezzi, Katiuscia Gimelli, Nadia Liistro, Morgana Marchesoni, Paola Papagna, Umberto Varischio, Marina Zarantonello.

Presiede la riunione Umberto Varischio, svolge funzioni di segretario Paola Papagna.

OdG previsto:

1) Approvazione verbale della precedente RSU dell’8 aprile 2013;
2) Valutazioni sull’incontro tecnico dell’11 aprile 2013 e sulle seguenti assemblee del personale TA;
3) Incontri tecnici del 7 e 14 maggio 2013;
4) Prosecuzione della discussione sulle proposte riguardanti le politiche di conciliazione;
5) Varie.

Verificata la presenza del numero legale il Presidente dà inizio alla riunione.

Punto 1)
Viene approvato il verbale della seduta RSU dell’8 aprile 2012.
(9 favorevoli – 2 astensioni: Gimelli e Liistro perché non presenti alla seduta).

Il Presidente, su richiesta di Ghezzi, anticipa la discussione del punto 4)

Punto 4)
La RSU prende in esame una proposta avente come oggetto l’allargamento della flessibilità oraria, già prevista per i dipendenti con figli di 0-3 anni, ad altre categorie di beneficiari.
Dopo ampio dibattito si giunge alla definizione di un testo da inviare all’Amm.ne e si propone di costituire un gruppo di lavoro per definire nel dettaglio le proposte sulle politiche di conciliazione casa-lavoro.

Il Presidente dà lettura del testo della proposta:

POLITICHE DI CONCILIAZIONE CASA-LAVORO
Le politiche di conciliazione casa-lavoro, finora, sono state in gran parte rivolte alla maternità/paternità. Oltre alla necessità di estendere tali politiche specifiche, si e’ verificato che il progressivo invecchiamento della popolazione, i continui tagli alle spese sanitarie, gli interventi volti a limitare i benefici della l.104, rendono sempre più difficile e oneroso, talvolta impossibile, assistere parenti o conviventi in difficoltà.
Chiediamo quindi:
1) Estensione delle normative attualmente in vigore per chi ha figli in età compresa tra i 0 e i 3 anni anche a chi ha figli in età compresa tra i 4 e gli 11 anni;
2) Prevedere per chi ha necessita’ di assistere:- il coniuge (anche legalmente separato) o il convivente;- un parente entro il secondo grado (genitori, figli, fratelli, nonni, nipoti dei nonni) anche non convivente;- un soggetto componente la famiglia anagrafica del dipendente;
in stato di comprovata necessità, stato da definire in sede di contrattazione,  e che non possa utilizzare i permessi derivanti dalla 104 e abbia già usufruito delle ore previste per “gravi motivi” e “grave infermità”:
– l’orario continuato per 30 giorni all’anno;
– la possibilità’ di accumulo di un debito orario di massimo 72 ore annuali, in aggiunta ai permessi previsti dall’art. 25 del  CCNL , da recuperare entro lo stesso anno; nel caso in cui non sia stato possibile effettuare il recupero l’Amministrazione provvede a trattenere una somma pari alla retribuzione spettante per il numero di ore non recuperate;
– la concessione della pausa timbrata minima di 30 minuti.

Si procede quindi alla votazione sul testo da inviare all’Amm.ne e sulla proposta di costituzione del gruppo di lavoro:

(9 favorevoli 1 contrario – De Marco: non entra nel merito della proposta ma sull’opportunità di presentarla il giorno 7 maggio visto che non era neanche all’odg e ritiene di costituire un gruppo di lavoro della rsu che approfondisca e presenti all’amministrazione un documento definitivo. 1 astensione – Liistro: ritiene opportuno che la RSU approfondisca e perfezioni la proposta e presenti all’Amm.ne un documento nella stesura definitiva)

Danno la loro disponibilità a far parte del gruppo di lavoro: Papagna e Zarantonello.

Prima di passare alla discussione del punto 2) Cerini chiede di mettere all’Ordine del Giorno della prossima riunione RSU una proposta di modifica del “Regolamento di funzionamento della Rsu dell’Università degli Studi di Milano” relativamente alla validità delle votazioni in caso di sopraggiunta assenza del numero legale (art. 5).

Punto 2)
In merito a questo punto intervengono brevemente Varischio e Canevari.
Varischio: pur consapevoli che la proposta dell’Amm.ne non è quella presentata dalla RSU, bisogna prendere atto che con il modello proposto sono stati fatti passi avanti, anche se ancora permangono specificità che non possono essere inglobate nello stesso.
Dalle assemblee con il personale interessato sono emerse preoccupazione per le problematiche ancora in sospeso e perplessità sul fatto che alcuni servizi erogati dalle ex presidenze non vengano presi in considerazione nel modello presentato.
Prima dell’incontro del 14 è fondamentale re-inviare il documento predisposto dalla RSU con le richieste cui ancora non è stata data risposta.

Canevari: l’Amministrazione ha elaborato un impianto generale che va assolutamente specificato, ma non messo in discussione.
Permangono dubbi sulla struttura delle SeDI e in particolare sulla figura del capo ufficio.
Durante l’incontro del 14 la CISL inviterà una collega che si occupa della segretaria didattica per segnalare varie difficoltà che si stanno presentando e per chiedere chiarimenti.

Punto 3)
In merito all’incontro tecnico del 14 maggio su “Aggiornamento sull’organizzazione dei servizi di supporto alla didattica”, Varischio dà lettura del documento che ha inviato alla RSU, con la lista di richieste cui non è stata data risposta all’incontro dell’11 aprile o che necessitano di ulteriori approfondimenti.

RICHIESTE IN GENERALE
Verifica tempi di strutturazione del nuovo Centro e dei SeDI per permettere una programmazione dei servizi erogati.
Stato coinvolgimento, prima della discussione da parte degli organi di governo, del personale interessato per meglio definire l’articolazione dei servizi e dei compiti.
Dotazione organica complessiva per SeDI e per Centro servizi logistici supporto didattica (CSLSD).
Dotazione per ogni SeDI.
Quanti del personale delle attuali ex-presidenze sarà assegnato a SeDI e CSLSD.
Indicatori utilizzati per stabilire questi organici
Chiarimenti ulteriori su struttura siti per la didattica e relative competenze e responsabilità dei SeDI e del Centro servizi nell’inserimento/gestione dei contenuti dei siti stessi.
SeDI
Bozze documenti costituzione SeDI.
Valutare l’eventuale costituzione di un ufficio di coordinamento tra i SeDI e i vari riferimenti funzionali delle Divisioni/uffici dell’Amministrazione.
CENTRO SERVIZI LOGISTICI DI SUPPORTO ALLA DIDATTICA
Quali saranno i settori individuati per ogni area e che locazioni copriranno?
Decisioni prese su aule informatiche che ora sono gestite direttamente da dipartimenti.
Articolazione gerarchica le aree del CSLSD  per quanto riguarda presidi informatici che gestiscono le aule informatiche.
Decisioni prese su gestione l’infrastruttura virtualizzata di SPES.

La RSU analizza il documento e in previsione dell’incontro propone di procedere come segue:
– inviare all’Amm.ne il documento con le richieste più eventuale integrazione che verrà chiesta agli RSU delle  ex-presidenze non presenti alla riunione
– dopo l’incontro, inviare al personale interessato di un sunto dettagliato delle informazioni emerse nell’incontro stesso e se richiesta, disponibilità ad organizzare e  a partecipare a assemblee/incontri con il personale.
(approvata all’unanimità)

Relativamente all’incontro del 14 pomeriggio su “Interventi relativi alla richiesta sindacale in materia di edilizia” Cerini ricorda che era stato richiesto come sigla dalla CGIL, ma l’amministrazione ha deciso trattarlo con la RSU.

La riunione si scioglie alle 16:40.

VERBALE DELLA RIUNIONE RSU DELL’8 APRILE 2013

In data 8 aprile 2013, presso la saletta sindacale di via Festa del Perdono, si è riunita la RSU d’Ateneo.
Presenti alla riunione: Marcello Assolari, Claudio Canevari, Gianni Carzaniga, Andrea Cerini, Cassandra De Marco, Anna Ettore, Ernesto Gandini, Daniela Ghezzi, Davide Lo Prinzi, Morgana Marchesoni, Paola Papagna, Umberto Varischio, Marina Zarantonello, Andrea Zepponi.

Presiede la riunione Gianni Carzaniga, svolge funzioni di segretario Daniela Ghezzi.

OdG previsto:
1)    approvazione del verbale della riunione RSU dell’11 marzo 2013;
2)    preparazione dell’incontro tecnico dell’11 aprile 2013 sull’organizzazione dei servizi alla didattica;
3)    varie ed eventuali.

Verificata la presenza del numero legale il Presidente dà inizio alla riunione

Punto 1)
Viene approvato con 10 voti favorevoli e 2 astenuti (in quanto assenti l’11 marzo) il verbale della seduta RSU dell’11 marzo 2012.

Punto 2)
La Rsu decide di predisporre una serie di richieste di chiarimento e approfondimento relative alla ipotesi di riorganizzazione dei servizi alla didattica presentata dall’amministrazione nell’incontro del 25 marzo, da inviare all’amministrazione stessa al termine della seduta rsu in vista dell’incontro tecnico dell’11 aprile.
La RSU premette che l’analisi presentata sull’attuale organizzazione dei servizi alla didattica risulta orfana di un intero processo nello specifico dei SERVIZI TECNICI CENTRALIZZATI PER LA RICERCA E LA DIDATTICA, comprendenti la gestione degli stabulari e stalle, autisti, servizio smaltimento rifiuti, servizi informatici (assistenza tecnica informatica al personale – sviluppo, gestione e assistenza rete della Facoltà e utilizzo dei relativi servizi – Gestione sicurezza informatica – Manutenzione e sviluppo SW didattica – Gestione server della Facoltà – Gestione, manutenzione e assistenza HW e SW – Gestione e manutenzione sito web di Facoltà – gestione SIFA), Servizi di supporto tecnico-scientifico in laboratori centralizzati per la ricerca, Servizio di assistenza tecnica in laboratori per la didattica e aule informatiche, Gestione Qualità.
Alla luce di quanto sopra riportato si chiede di inserire le 117 unità di personale afferenti alle ex Presidenze nell’ipotesi prospettata dall’amministrazione al fine di verificare le effettive esclusioni del personale che oggi svolge tali servizi e, quali soluzioni sono state individuate  per il personale escluso.

Si chiedono ulteriori chiarimenti sui seguenti aspetti:
* Tempi certi di strutturazione del nuovo Centro e dei SeDI per permettere una programmazione dei servizi erogati.
* Coinvolgimento, prima della discussione da parte degli organi di governo, del personale interessato per meglio definire l’articolazione dei servizi e dei compiti.
* Stime di dotazione organica complessiva per SeDI e per Centro servizi logistici supporto didattica (CSLSD).
* Stime dotazione per ogni SeDI.
* Stime di quanto del personale delle attuali ex-presidenze sarà assegnato a SeDI e CSLSD.
* Indicatori utilizzati per stabilire queste stime.

   Segreterie Didattiche Interdipartimentali (SeDI)
* Conferma che gli 8 SeDI previsti saranno inerenti le attuali 8 Facoltà dell’Ateneo.
* Per quanto riguarda le Scuole  le funzioni di SeDI verranno espletate direttamente dal/dai Dipartimento/i di riferimento delle stesse?
* Dal momento che il personale tecnico-amministrativo dei SeDI avra’ interazioni con diverse Divisioni dell’Amministrazione, con il presidente del Comitato di direzione delle Facolta’, con i direttori dei dipartimenti raccordati, con i presidenti dei collegi didattici, con le segreterie didattiche dipartimentali, e’ essenziale che vengano delineate con chiarezza  i rapporti con tutte queste figure in termini di ruoli, funzioni e responsabilita’.
* Quali dei servizi previsti nell’ipotesi presentata verranno effettivamente assegnati a ogni SeDI?
* A chi afferiranno gerarchicamente i capiufficio dei SeDI?
* Bisogna valutare se basta una sola persona per la segreteria della presidenza dei comitati direttivi di Facoltà nel caso di Facoltà di elevata complessità.
* Le competenze sui posti dei CdL a  numero chiuso saranno affidate al SeDI?
* Conferma che i servizi post-laurea (Scuole di specializzazione, Master, corsi perfezionamento, TFA) potranno afferire ai SeDI.
* Per quanto riguarda le scuole di specializzazione, in particolare per quelle di Medicina, vista la specificita’ e la complessita’ di queste scuole, possano essere coordinate da un altro responsabile oltre a quello previsto come capoufficio.
* Ipotizzare, se sono molte le attività post-laurea gestite dal SeDI,  che sia prevista un’ulteriore figura di responsabile oltre al capoufficio.
* Per quanto riguarda il SeDI di SPES  a chi si pensa d’affidare i servizi di Office of International Affairs, Infopoint e gestione delle collaborazioni

   Centro Servizi Logistici di Supporto alla Didattica
* Quali saranno i settori individuati per ogni area e che locazioni copriranno?
* A chi afferirà il personale e i servizi erogati dal Polo di Lodi?
* A chi afferirà  la gestione dei laboratori didattici non informatici?
* A chi afferiranno i tecnici smaltimento rifiuti che ora fanno riferimento alle Facoltà?
* Cosa accadrà dei servizi di Facoltà ora gestiti da collaborazioni 150 ore?
* Cosa accadrà di aule didattiche e informatiche che ora sono gestite direttamente da dipartimenti (p.e. Matematica)
* Come verranno articolate gerarchicamente le aree del CSLSD  (capiservizio per SG e cosa per informatici che gestiscono le aule informatiche?).
* Approfondimento su come verrà effettuata la prenotazione delle aule didattiche informatiche?
* Dato che i SeDI saranno uffici dell’amministrazione e che gli uffici dell’amministrazione dal punto di vista informatico sono normalmente gestiti direttamente dalla DIVSI, chi gestirà l’informatica dei SeDI?
* Per quanto riguarda SPES chi gestirà l’infrastruttura virtualizzata di SPES che da servizio anche a 2 dei 3 dipartimenti principali della Facoltà, a parte della Biblioteca, al progetto “Voices from the blogs” e a un progetto di elaborazione statistica? E i chi gestirà il servizio Podcast di Facoltà,e il servizio SIeAT (caricamento e archiviazione  online tesi di laurea), ?

La Rsu decide di convocare due assemblee sindacali per il personale delle ex-presidenze nelle date lunedì 15 aprile a Città Studi e di martedì 16 aprile in Festa del Perdono, dalle 9.30 alle 12.00. Infine, si rinvia la valutazione complessiva dell’incontro con l’Amministrazione sull’ ipotesi di riorganizzazione dei servizi didattica alla prossima riunione di Rsu.
Punto 3)
Si chiederà di mettere all’ordine del giorno del prossimo incontro con la Parte pubblica l’apertura serale e domenicale delle biblioteche, con relativa proposta dell’amministrazione.
Si chiederà all’Amministrazione se è stata definita una struttura nella zona centrale di Milano che possa accogliere i bambini che attualmente frequentano il nido di Santa Sofia, se con tale struttura è stata stipulata una convenzione analoga a quelle degli altri due nidi d’ateneo e , in caso affermativo, il costo mensile della retta.